Search for content, post, videos

Scalette è il nuovo Soave Classico DOC di casa Tessari

Una novità che punta alla valorizzazione del territorio veneto e della sua identità

Un’azienda vitivinicola a conduziona familiare, nel cuore della Valle d’Alpone, in provincia di Verona. Tre terroir – sostanzialmente il rapporto unico che si crea un vitigno al microclima e alle caratteristiche minerali del suolo in cui è coltivato – tra loro diversi e complementari. Sono questi i punti cardine dell’esperienza di Gianni Tessari, che fin dagli anni Ottanta produce vini di successo.

Proprio dalla sua inconfondibile cifra stilistica nasce quest’anno Scalette, un vino che esalta l’identità e la tradizione della DOC Soave, la denominazione più significativa all’interno del panorama vinicolo di origine controllata in Veneto. Scalette è infatti un Gianni Tessari Soave Classico DOC prodotto nel Cru Tenda, una delle 23 Unità Geografiche Aggiuntive che rientrano tra le zone storiche della denominazione. In questo Cru collinare e a suolo prevalentemente calcareo vengono condotti i vigneti di Garganega e Trebbiano di Soave.

 

Ne deriva un vino in cui, grazie anche alla fermentazione e all’affinamento in acciaio, è immediatamente percepibile la delicatezza dei profumi e sapori floreali e minerali tipici del Soave Classico. Gianni Tessari Soave prosegue così lungo la strada della massima valorizzazione del territorio attraverso il rispetto dell’identità che lo caratterizza. Scalette arriva infatti dopo il lancio a inizio anno del Perinato, un Soave Classico DOC prodotto nel Cru Pigno e affinato in legno, capace in questo caso di esprimere al meglio l’anima vulcanica del terroir.

L’esaltazione dell’identità del territorio, che Tessari riserva a tutte le tre DOC (Soave, Colli Berici e Monti Lessini) coperte dai vitigni dell’azienda, riecheggia anche nel nome scelto per il vino. “Scalette – spiega Gianni Tessari – si ispira alla scalinata che dal centro di Soave porta al Castello Scaligero. Un percorso immerso nella storia e cultura del paese che rimanda simbolicamente al nostro ultimo vino, un Soave Classico molto tradizionale che facciamo uscire in annata per esaltare al meglio le sue caratteristiche”.

B.A. 

Leggi anche: Giorgio Rosato: Professione Executive Chef Consultant