Search for content, post, videos

Private Banking Awards 2°edizione sotto il segno di Alfa Romeo

Indietro1 di 4

A Milano i premi dei “Private Banking Awards” nella splendida cornice della Borsa

In una serata unica ed esclusiva, Alfa Romeo ha rappresentato il punto di congiunzione tra il mondo della finanza e quello dell’editoria. Si è infatti svolta ieri sera a Milano, nella splendida cornice della Borsa, la cerimonia dei “Private Banking Awards” cui ha partecipato il marchio automobilistico sottolineando così la condivisione degli stessi ideali universali e la sua attitudine ad accostare la propria immagine a realtà premium. Inoltre, è stato un modo unico per vivere l’emozionante battesimo italiano di Forbes, il magazine dedicato al mondo finanziario, già leader negli Stati Uniti.

Ad accogliere gli ospiti dei prestigiosi Private Banking Awards due eccellenze del Made in Italy: la straordinaria Giulia Quadrifoglio, il nuovo paradigma Alfa Romeo e massima espressione de “La meccanica delle emozioni”, e l’affascinante Stelvio, il primo SUV della storia ultrasecolare del marchio.

Per l’occasione, Alfa Romeo ha accompagnato l’esordio dell’edizione italiana di Forbes, il magazine di riferimento dedicato al private banking e wealth management

In particolare, Giulia Quadrifoglio si contraddistingue per il potente motore 2.9 BiTurbo benzina da 510 CV – totalmente in alluminio – che assicura prestazioni straordinarie: velocità massima di 307 km/h, accelerazione da 0 a 100 km/h in appena 3,9 secondi e una coppia massima di 600 Nm a 2.500 g/min. Si tratta della versione più sportiva di Giulia che, rivoluzionando i canoni di stile e tecnologia del marchio italiano, ha dato vita alla nuova generazione Alfa Romeo.

Al fianco della Giulia Quadrifoglio, il SUV Stelvio che garantisce prestazioni senza compromessi e grande piacere di guida, grazie all’eccellenza meccanica e motoristica che lo contraddistingue nel suo segmento. Infatti, Stelvio racchiude in sé tutti gli elementi che hanno reso Alfa Romeo uno dei brand più desiderabili: design distintamente italiano, motori prestazionali, perfetta distribuzione dei pesi, soluzioni tecniche uniche e miglior rapporto peso/potenza della categoria.

Indietro1 di 4